martedì 8 gennaio 2019

Associazione Porta Nuova: "VERSO UN IMPETUOSO SVILUPPO INDUSTRIALE…"

da Michele Celenza (Associazione civica Porta Nuova) riceviamo e pubblichiamo                       
VERSO UN IMPETUOSO SVILUPPO INDUSTRIALE…

1. Ecco, quella che si vede nell’allegato (preso dal sito della Regione[1]) è la proposta di nuova perimetrazione, in territorio vastese, della zona industriale che si verrebbe ad ottenere a seguito dell’adesione del Comune di Vasto alla Zona Economica Speciale (ZES).
Va da sé che si tratta per l’appunto di  una proposta, e che la strada per arrivarci è ancora lunga. Ma
intanto, soprattutto perché di informazione al riguardo ne circola davvero poca, vale forse la pena di avanzare alcune brevi osservazioni.

2. Anzitutto, l’estensione, che è più che raddoppiata, passando da 244 a 583 ettari. Si prevede evidentemente uno sviluppo industriale impetuoso, visto anche lo stato presente, non proprio di sovraffollamento, dell’attuale area industriale. In questa prospettiva non sorprende che con la proposta di ampliamento gli impianti industriali arrivino, nel quartiere dell’Incoronata, fin quasi dentro il centro abitato; che si prendano la campagna di Torre Sinello; che giungano a poche centinaia di metri da Pagliarelli. Cosa ne penseranno i diretti interessati?
C’è poi un altro dettaglio. Così disegnata, la nuova zona industriale andrebbe, a nord, interamente a ridosso, e in parallelo, della Riserva di Punta d’Erce. Se si pensa che la Riserva avrebbe dovuto rappresentare il cuore pulsante del famoso Parco Nazionale viene da rendere onore a Mario Febbo, che almeno è stato chiaro: "Con l’individuazione del territorio della fascia costiera [Termoli]-Vasto-Ortona per l'istituzione della Zona Economica Speciale finalmente viene cancellato il Parco della Costa Teatina"[2]. È evidente: ZES e Parco Nazionale non possono convivere. Chi sostiene il contrario è in malafede, oppure non conosce il significato delle parole che sta usando.

3. Sviluppo industriale? Quale sviluppo industriale? Tutti, da Melilla, a Lolli, ai 5S, hanno detto delle meravigliose opportunità che si aprirebbero per la nostra zona con l’istituzione della ZES. Dei rischi non parla nessuno. Eppure i rischi sono molti, e gravi[3]. In assenza di una politica industriale, che non c’è mai stata, o almeno di una qualche definizione del tipo di insediamenti che si vogliono evitare, è altissima la probabilità che le facilitazioni di tipo amministrativo e fiscale attirino investimenti meramente speculativi, che verrebbero solo a devastare ulteriormente la nostra terra.
Del resto, per definizione, la ZES è una zona franca, in cui le normali procedure di salvaguardia ambientale sono vanificate, e che quindi ben si adatta a situazioni di avanzato degrado ambientale. Basta scorrere la lista delle altre ZES previste sul territorio nazionale: Napoli-Salerno, Gioia Tauro, Brindisi, Augusta, Taranto… E infatti il documento regionale di indirizzo lo dichiara a tutte lettere: occorre “un decalogo di semplificazioni” relativo a “tutte le interrelazioni tra i settori dell’ambiente e delle opere pubbliche e il mondo imprenditoriale”, con particolare riguardo “ai casi di autorizzazione alla installazione di impianti di produzione di energia da fonti alternative[4]”. Un caso di cui a Vasto (si ricordi l’impianto a biomasse a Punta Penna) abbiamo una certa esperienza.

4. Conclusione. Dubito che i vastesi, se sapessero, darebbero il proprio consenso. La città si è mobilitata negli ultimi anni, con successo, contro l’installazione di singoli impianti ritenuti più o meno inquinanti. Sarebbe sorprendente che restasse inerte di fronte a un progetto, come questo, di portata di gran lunga maggiore.
Tra un mese ci saranno le elezioni regionali. Ma nessuno, proprio nessuno, ne parla.

Michele Celenza                                                                                            Vasto, il 6 gennaio 2019
(Associazione civica Porta Nuova, Vasto)


1 commento:

Antonio d'Annibale ha detto...

FEDERMANAGER Abruzzo e Molise accoglie la preoccupazione dell'Associazione Porta Nuova e PROPONE ALLE AUTORITÀ REGIONALI E QUINDI a tutti i Candidati alla PRESIDENZA,
di prendere in considerazione le osservazioni dell’Associazione e di riesaminare il progetto di sviluppo industriale tenendo in particola considerazione la vicinanza alla zona protetta, che merita uno sviluppo dedicato e la protezione da possibili fonti di inquinamento o di installazioni che ne compromettano la missione.
Il Vice-Presidente
Antonio d'Annibale