giovedì 26 luglio 2018

NIENTE PIU' SPETTACOLI: L’ARENA ALLE GRAZIE TOTALMENTE ABBANDONATA


RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO 
 L’ARENA MADONNA DELLE GRAZIE ABBANDONATA
 Abbiamo appreso che persino la tradizionale “festa del ritorno per gli emigrati” non si terrà nella abituale location della Arena Madonna Delle Grazie e sarà trasferita negli spazi di Palazzo D’Avalos.
Questo fatto conferma la particolare tendenza dell’Amministrazione comunale di Vasto a non effettuare la manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili comunali.
Lasciare al suo destino  l’Arena Madonna Delle Grazie – che a tutt’oggi risulta inagibile- e
mantenere in abbandono l’adiacente parco archeologico delle terme romane significa privare la Città di infrastrutture e di servizi che oltre al valore storico ambientale evidenziano chiari legami della Città del Vasto con il suo recente passato.
L’Amministrazione provveda con urgenza a ripristinare le condizioni di utilizzo dell’arena per lo svolgimento delle manifestazioni estive, se è vero, come è vero, che anche la nuova sede delle manifestazioni sembrerebbe non avere tutte le caratteristiche richieste dalle leggi sulla prevenzione dei luoghi destinati ai pubblici spettacoli.
Con buona pace del F.A.I.  e delle altre associazioni che si occupano della valorizzazione dei beni archeologici ed ambientali che in questo caso vanno ad urtare contro la mancanza di sensibilità ed il disinteresse dei pubblici amministratori.
A nostro parere la valorizzazione di questi beni e la sicurezza delle manifestazioni riservata ai cittadini riveste al massima importanza.

FIRMATO 
Edmondo Laudazi “Il Nuovo Faro” Vasto
Consigliere regionale dott. Mario Olivieri


2 commenti:

NICOLA D'ADAMO ha detto...

l'ARENA SI POTREBBE COPRIRE ED AVERE UNA SALA CONCERTI COPERTA DA 3.000 POSTI, VI PARE POCO? un po' come The O2 Arena a Londra sorta dal Millenium Dome.

Ivo Menna ha detto...

Sono anni da quando consiglio di abbatterà e sostituire a questa opera pubblica inutile una area verde che prolunghi la area archeologica e chiuda al traffico veicolare. Ma come al solito la proposta assoluta mancanza di cultura ambientale blocca ogni utile proposta