mercoledì 26 aprile 2017

Rischio dissesto su Loggia Amblingh: finora tutto tace

di Giuseppe Catania 

II territorio di Vasto, e non è una novità, è sottoposto da secoli, a smottamenti e frane, provocati dalle spinte che le acque freatiche esercitano dal sottosuolo.
Si corre ai ripari, purtroppo, non in modo radicale e definitivo, bensì cercando di "tamponare", mediante rattoppi precari, il dissesto.
Recentemente l'attenzione dei tecnici è stata attratta da alcune lesioni riscontrate lungo la loggia Amblingh nella parte della scalinata che conduce a Piazza Marconi, ma, a quanto pare, non si è ancora intervenuti in modo risolutivo, ma solo con un monitoraggio ed un esame delle lesioni.
Eppure, per quanto

ci consta e che nell'aprile 2016 (vedi il n.2 - aprile 2016 di "Gente & Piazza") abbiamo pubblicato un articolo sulla esistenza di un progetto approvato dalla Giunta Regionale d'Abruzzo, relativo al dissesto idrogeologico nel territorio di Vasto, tra cui Punta Penna lungo il costone di Viale Marinai d'Italia (Palazzina Ater), della Loggia Ambingh e di Via Tre Segni.

Si tratta di un provvedimento che risale al 2014 a seguito della visita del Capo della Protezione Civile Franco Gabrielli con il presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso e l'assessore all'ambiente Mario Mazzocca.

Un progetto dell'importo di 1.500.000 euro per "lavori di mitigazione" del rischio idrogeologico nelle suddette zone, inserito nell'elenco annuale delle opere pubbliche e nel bilancio comunale di Vasto 2016/2018, il cui progetto è stato redatto Dall'ufficio tecnico - 3°settore IV- Infrastrutture per il territorio del Comune di Vasto.

E' troppo chiedere, a quelli del Palazzo di Città, che fine ha fatto quel progetto e se è intenzione intervenire per scongiurare un più grave dissesto?

Giuseppe Catania

1 commento:

enzo ha detto...

E’ un silenzio inaccettabile. Certo il problema non è di facile soluzione ed è costoso, ma questo non esime l’amministrazione a informare i cittadini su cosa si vuole fare e cosa si sta realizzando. La Loggia oltre ad essere a ridosso di molte abitazioni del centro storico “da rivalutare” è una delle maggiori attrattive della città.
Costatato che i cittadini sono “coccolati” solo nel periodo delle votazioni, chiediamo anche alla minoranza di pretendere delucidazioni su interventi che si DEVONO FARE. Occorre inoltre un’immediata verifica certificata sull’agibilità, non dimenticando che nei prossimi mesi aumenterà esponenzialmente il numero dei frequentatori.