lunedì 19 dicembre 2016

Fernando D'Annunzio: "Natale all’Auštralie", in piena estate!

Natale all’Auštralie
                    
Pe’ ttutte nu’ che vivéme all’Italie
è štrane a fa Natale all’Auštralie…
No’ ppe’ nisciùna cose, solamènde
ca la štaggione a ècche è differènde.
Li tradiziùne, tutte v’è ‘rimašte,
è come cchille che ci šta a Lu Uašte.
Facéte li caggiune e li scrippèlle
e lu pressèpie nghi lu Bbambinèlle.
S’acconge l’albere, si fa rihàle,

si va a la mésse la notte di Natale.
Si préghe Ddì’ pe’ fa rignà la pace,
si fa l’augurie... tand’ abbracce e bbace.
Si joche a tòmbele e all’asinucce,
si magne panettune e tarallucce.
A lu pranze ci manghe lu cardone,
ma pi’ lu riste lu magnà è bbone.
Lu uìne cale e, bbivènne bbivènne,
li “pichirucce” fore va pascènne.
Mentre lu cuàlle šta sopr’ a quarante,
a nu mumènde cumenze lu cante,
e jé curiose, curiose naquélle,
quanda sinde “Tu scendi dalle stélle”
e arrive a ndonna dice “oh Re del cielo
e vieni in una grotta al freddo al gelo”.
...‘Na soluziòne i’ mo vi li trove,...
pe’ lu pressepie, nu suggerimènde:
a lu puste dill’àsine e lu vove
mittéte cacchidùne a fa’ lu vuènde.

                                        Fernando D’Annunzio

Traduzione in lingua dal dialetto abruzzese:
Natale in Australia
            Per tutti noi che viviamo Italia, / è strano fare il Natale
in Australia... / Non per niente, soltanto / che qui la stagione è differente. /
Le tradizioni, tutte vi sono rimaste, / sono le stesse che ci sono a Vasto. /
Fate i “caggioni” e le “scrippelle”  / ed il presepe con il Bambinello. /
Si addobba l’albero, si fanno regali, /  si va a messa la notte di Natale. /
Si prega Dio affinché regni la pace, / si fanno auguri con abbracci e baci. /
Si gioca a tombola e “all’asinuccio”, / si mangiano panettoni e tarallucci. /
Al pranzo manca il cardo, / ma per il resto il mangiare è buono. /
Il vino va giù e, bevendo bevendo, / poi si va fuori a smaltire la sbornia. /
Mentre il caldo supera i quaranta gradi, / ad un certo punto inizia il canto, /
ed è curioso, parecchio curioso, / Quando senti “Tu scendi dalle stelle” /
e arriva dove dice “oh Re del cielo / e vieni in una grotta al freddo e al gelo”. /
...Una soluzione io l’avrei trovata... / per il presepe ho un suggerimento:
al posto dell’asino e il bue / metteteci qualcuno che fa il vento.

“caggioni e scrippelle” = dolci tipici natalizi vastesi. 

“asinuccio”                   = gioco di carte


Nessun commento: