venerdì 1 febbraio 2019

Febbraio: tante ricorrenze ad inizio mese

dal sito VastoSpa dell'amico Michele Spatocco 
La particolarità d'essere il mese più corto e di essere anche quello che nell'antico calendario solare segnava la fine dell'inverno ha dato spazio alla fantasia popolare originando una serie di riti con i quali si auspica la fine del brutto tempo e si esorcizzano i mali di stagione.

La Candelora, che ricorre il 2 del mese, viene salutata come un passaggio alla bella stagione:
La Candelore, u ce nénghe u ce piove da lu vérne séme fore (alla Candelora con la neve o con la pioggia dall'inverno siamo fuori).

Il giorno successivo, dedicato a San Biagio, Sande Biasce, viene praticata l'unzione della gola ai fedeli nel corso della celebrazione liturgica, al fine di debellare il mal di gola, lu strangajùne.

Il 5, festa di Sant'Agata, è il giorno dedicato alle donne che allattano, soprattutto a quelle affette da agalassia, e la preghiera rivolta alla Santa è la seguente:
Sand'Achete benedàtte, famme arevenà lu latte pé stu cétele mé e je puzz' avanzà che le puzza dà a tutte lu vicinate.
E' usanza ancora, di far bere alla puerpera un decotto ricavato dall'ebollizione di cavallucci marini. Un'ultima consuetudine praticata è quella di compiere abluzioni del petto con la rugiada delle siepi per scongiurare mali al seno e per renderlo più bello.

Altra ricorrenza importante è quella dedicata a Santa Apollonia (Sanda 'Bbellonie), che viene invocata per la cura del mal di denti.

1 commento:

Unknown ha detto...

FEBBRAIO

Furbare, Furbarôtte,
tutte tè trènde e jì’ vendôtte:
se le jurna mì fusse tîtte,
ggelàsse lu huèine déndr’a le vîtte.
______________________

Sommario popolare dei primi cinque giorni:

A le dù’
la Cannelôre;
a le tré
Sande Bbiasciône;
a le quattre
n’è cchebbèlle;
a le cînghe
Sand’Acheta bbèlle.

1 - S. Brigida; S. Orso di Aosta

Furbare: trasce lu sole a ogne ffuculäre.

2 - Presentazione di Gesù: la Candelora

La Cannelore:
u ce nénghe u ce piove
da lu vèrne séme fore;
ville ville nu sulecélle
quaranda dì de vernatèlle.

Ma, con maggior prudenza:
La Canneléure:
la mmernäte è sciùte féure.
Arespànne la vicchia ‘stìute:
-La mmernäte nen è scìute!
Canda poppe la vecäche
allore è scìute la mmernäte.
Ma se vvu’ resse cchiù ssechìure
cand’arepasse le metetìure!-

Nelle chiese: benedizione delle candeline, spesso decorate, che saranno conservate
al capezzale ed esposte, nelle campagne, per scongiurare temporali e grandinate.

3 - S. Biagio: lu Suande Cannarìute.

Si venera la reliquia del braccio nella cattedrale.
A sera: unzione della gola.
Durante i pasti, scherzosamente: Abbäte a Ssande Biasce: ossia: Bada a non strozzarti!